ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: le violenze aumentano, gli osservatori no

Lettura in corso:

Siria: le violenze aumentano, gli osservatori no

Dimensioni di testo Aa Aa

Ostruzionismo all’ingresso degli osservatori e nuove violazioni al piano di pace di Kofi Annan. A ormai quasi tre settimane dal formale avvio della tregua in Siria, l’Onu rimprovera a Damasco di ripetere un copione rodato.

Impotente la missione di pace dinanzi alle violenze che proseguono in tutto il Paese. Come già accaduto negli ultimi giorni, ad altri tre “berretti blu” è stato negato il visto. Il Ministero degli esteri siriano sostiene che la loro nazionalità sarà d’ora in poi concordata preventivamente con le Nazioni Unite.

Il responsabile del contingente di peace-keeping, Herve Ladsous, parla intanto di responsabilità anche da parte degli oppositori di Bachar Al Assad, ma denuncia soprattutto il ridottissimo margine di manovra degli osservatori.

Appena 24, sui 300 previsti dal mandato del Consiglio di Sicurezza, sono già operativi sul territorio. Numeri di gran lunga superati da quelli delle vittime registrate ogni giorno: almeno 34 quelle contati dall’Osservatorio siriano dei diritti umani nella sola giornata di martedì.