ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Murdoch, in bilico il governo Cameron

Lettura in corso:

Murdoch, in bilico il governo Cameron

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la chiusura di News of the World , nel giugno del 2011, lo scandalo delle intercettazioni illegali continua a far tremare l’impero mediatico di Rupert Murdoch.

Per affrontare la situazione, inconsueta oltre Manica, e che ha profondamente scioccato i britannici, il governo Cameron ha incaricato una commissione parlamentare di condurre un’inchiesta.

Il magnate Murdoc Rupert Murdoch e il figlio James sono sospettati, oltre che di intercettazioni illegali, di aver ricevuto un trattamento di favore da un ministro del governo per acquistare la totalità delle quote di BskyB.

News Corporation, che detiene il 39% di BskyB, il principale bouquet di canali satellitari del Regno Unito, ha dovuto rinunciare all’operazione in luglio, per lo scandalo delle intercettazioni.

Oltre alla commissione parlamentare, che ha appena pubblicato le conclusioni dell’inchiesta, una seconda commissione, presieduta dal giudice Leveson, indaga sull’etica dei media e sui rapporti tra il potere politico britannico e il gruppo del magnate australiano.
Stando ai primi atti della Commissione Leveson, un collaboratre del ministro della Cultura Jeremy Hunt, ha dato le dritte a Murdoch sull’acquisto di BskyB.

Jeremy Hunt afferma di non aver violato nessuna codice.

Jeremy Hunt “Mostrerò email e comunicati privati che scagionano il mio collaboartore e sono sicuro che dall’inchiesta uscirà fuori che il processo di acquisto è stato portato avanti in piena trasparenza”.

Il Labour però, non molla la presa e chiede le dimisioni di Hunt, accusato di intrattenere un rapporto privilegiato con News corporation.

Il premier britannico per il momento sostiene il suo ministro della Cultura.
Non c‘è neussuna prova contro di lui, ha dichiarato il premier Cameron.

.