ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hollande critica la rincorsa a destra di Sarkozy

Lettura in corso:

Hollande critica la rincorsa a destra di Sarkozy

Dimensioni di testo Aa Aa

Ce ne sono molti altri sparsi nel complicato scacchiere del primo turno delle presidenziali francesi, ma i voti che fanno più gola a Nicolas Sarkozy, sono quelli andati al Front National, un 17,9% capace di ribaltare un finale che dai sondaggi sembrerebbe già scritto. E per questo i socialisti cercano di frenare la corsa a destra dell’Ump.

“Vorrebbero impedirmi – ha detto Sarkozy in un discorso tenuto a Digione – di parlare a 6 milioni di francesi. Ma già che c’erano, potevano impedire alla signora Le Pen di presentarsi al primo turno se gli dava così fastidio. Nessuno mi mi impedirà di parlare al popolo francese, a tutto il popolo francese”.

Uno dei temi più cari alla destra entra spesso, negli ultimi giorni, anche nei discorsi del candidato socialista François Hollande, che afferma di voler combattere l’immigrazione clandestina e di ritenere necessaria una limitazione degli ingressi in periodo di crisi. Ma accusa il suo avversario di andare molto oltre:

“Guarda all’estrema destra. Si presenta senza pudore come un candidato di destra” ha detto Hollande dal palco di Limoges. “Non è solo mancanza di pudore, è una vera trasgressione quella che sta commettendo. Assistiamo a una deriva a destra nel vocabolario, nelle tematiche, nel modo di esprimersi sull’immigrazione, sull’Islam, sulla sicurezza. Sta pescando a piene mani nel programma dell’estrema destra”.

Ipotesi cavalcata in questo percorso verso il ballottaggio dal presidente uscente è che una vittoria di Hollande romperebbe il sodalizio con Berlino. Ma il cancelliere tedesco Angela Merkel smentisce, almeno pubblicamente, con un’intervista nella quale ha dichiarato di essere pronta “a lavorare bene con chiunque vinca”.