ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: parte la caccia al voto FN in vista delle presidenziali

Lettura in corso:

Francia: parte la caccia al voto FN in vista delle presidenziali

Dimensioni di testo Aa Aa

Non deve avere un sonno tranquillo Nicolas Sarkozy. Il risultato del primo turno delle elezioni ha messo al presidente uscente in fibrillazione. Per risalire la china deve conquistare l’elettorato del Fronte Nazionale.
La sveglia quindi stamattina è stata puntata presto, per raggiungere già a colazione gli elettori di estrema destra, battendo sul dell’immigrazione.

“La parola frontiera non è una parolaccia – ha detto Nicolas Sarkozy – e io dico che è uno sbaglio diminuire il controllo delle frontiere. Lo è quando l’Europa non difende i propri confini..Non possiamo continuare ad accogliere cosí tanti stranieri. Il nostro sistema d’integrazione è bloccato perché riceviamo troppa gente”.

Ma Marine Le Pen, diventata ago della bilancia, non sembra disposta a favorire Sarkozy al secondo turno. La sua indicazione di voto verrà svelata il primo maggio al tradizionale comizio davanti alla statua di Giovanna D’arco.

“Non credo piú alla sincerità di Nicolas Sarkozy – dice la leader del FN – Sono 5 anni che siamo riempiti di promesse da una parte e dall’altra. Quello che vedo è che nelle regioni ci sono socialisti, alla testa dei comuni ci sono socialisti e con Nicolas Sarkozy alla guida del paese ci sono stati piú immigrazione, maggiore lassismo, piú tasse e tutte questo”.

Anche il candidato socialista, ormai con i voti di sinistra garantiti, punta al bacino del Fronte Nazionale, che ha definito come un voto espressione della “rabbia sociale”. Sull’immigrazione Hollande cerca di puntualizzare:

“La mia posizione sulla regolarizzazione dei sans papier caso per caso è conosciuta – dice il leader del PS – Ma va garantita la dignità. Sarkozy vuole far credere che noi vogliamo accordare a tutti la regolarizzazione. É falso. Ora ci sono 30 mila regolarizzazioni all’anno. Sarkozy vuole ridurre della metà l’immigrazione legale, la stessa che ha accettato per 10 anni”.