ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Presidenziali in Francia, primo turno: vince Hollande, dietro Sarkozy, da record Le Pen

Lettura in corso:

Presidenziali in Francia, primo turno: vince Hollande, dietro Sarkozy, da record Le Pen

Dimensioni di testo Aa Aa

Vince Hollande (28,59%), insegue Sarkozy (27,09%) ma sorprende Marine Le Pen. Il suo Front National (18,06%) sbaraglia il diretto avversario del Front de Gauche Jean-Luc Mélenchon (11,11%) e si conferma terzo partito nel Paese. Quando mancano ormai poche schede per concludere il conteggio, appare chiaro che il Front National non passa il turno, ma mette in scacco l’ Ump: l’estrema destra ora è l’interlocutore privilegiato per Nicolas Sarkozy in vista del 6 maggio, quando il presidente uscente  avrà bisogno di fare appello a solide alleanze per ribaltare quello che sembra un risultato già scritto in favore del Ps.
 

L’incognita del centrista Bayrou, solo quinto
 
I centristi Modem di François Bayrou, scivolati al quinto posto (9,11%), si propongono come ago della bilancia. Se la formazione abbraccerà la linea tracciata in queste ore dal suo leader, andrà incontro ad una scelta: con la destra o con la sinistra. Opzione che verrà resa nota “quando avrà ascoltato entrambi i candidati” – ha detto Bayrou – dopo aver riconosciuto di essere deluso dal risultato ottenuto. Nel 2007 aveva incassato il doppio dei consensi, che in questa tornata non arrivano al 10%.
 
 
Hollande conduce, ma la sinistra non esulta
 
Sorride Hollande (28,59%), in vantaggio rispetto al presidente uscente. Alla vigilia del voto aveva invitato i francesi ad “una scelta di svolta“ che potesse scrivere l’esito di questo voto accanto ai momenti storici del Paese. Si accontenta invece la sinistra che ha intercettato in tutto circa il 44% dei consensi, meno di quanto ottenuto nelle precendenti occasioni in cui vinse al primo turno e cioè nel 1981 con il 46,8% e nel 1988 con il 45,3%.
 
 
Tra i piccoli svetta la verde Joly
 
Tra le formazioni minori i Verdi (EELV) di Eva Joly segnano il 2,27%, segue Nicolas Dupont-Aignan (DLR) con l’1,80%, Philippe Poutou (NPA) con l’1,15%, Nathalie Arthaud (LO) si ferma sullo 0,57%, fanalino di coda Jacques Cheminade (S&P)0,25%.