ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Patriarca Kirill travolto dagli scandali. Chiesa ortodossa lo difende

Lettura in corso:

Patriarca Kirill travolto dagli scandali. Chiesa ortodossa lo difende

Dimensioni di testo Aa Aa

La vita sfarzosa del patriarca di Mosca Kirill finisce sui giornali e la Chiesa ortodossa chiama a raccolta i fedeli per difendersi da quelle che chiama le forze del male.

Contro le inchieste che denunciano l’acquisto di auto di lusso e orologi d’oro, appartamenti intestati a prestanome e la presenza di una donna in una delle residenze del patriarca, si è tenuto un servizio di preghiera in tutte le chiese.

“Queste persone hanno voluto esprimere la loro solidarietà cristiana e questo è un bene – ha detto all’esterno della cattedrale di Mosca il portavoce del patriarca, Vsevolod Chapline – Non dobbiamo rispondere con il male al male, non dobbiamo rispondere con aggressività all’aggressione. Dobbiamo rispondere con sapienza e gentilezza alle gravi accuse fatte in questi giorni contro la Chiesa”.

A sostegno del patriarca Kirill anche dei fedeli improvvisati, come i 700 motociclisti noti col nome di Lupi della Notte, da sempre sostenitori di Vladimir Putin e oggi rappresentanti della rinnovata alleanza tra Stato e Chiesa.

“Non c‘è bisogno di fare tante storie su queste inchieste – è l’opinione di un motociclista – Se il patriarca è colpevole per l’orologio costoso, per i suoi appartamenti e se è legalmente punibile, ci penserà un tribunale a fare chiarezza. Se poi non può essere punito dalla legge, allora ci sarà una punizione divina”.

Le rivelazioni della stampa indipendente, però, colpiscono anche altri religiosi. A suscitare ulteriore indignazione, il caso di decine di bambini disabili, sfrattati da una struttura di proprietà del patriarcato.