ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

San Suu Kyi: in Europa a giugno dopo 24 anni

Lettura in corso:

San Suu Kyi: in Europa a giugno dopo 24 anni

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo anni di arresti domiciliari, in giugno primo viaggio all’estero per Aung San Suu Kyi.

La leader dell’opposizione birmana si recherà una settimana a Oslo per ritirare il premio Nobel vinto nel 1991 e in Gran Bretagna, sempre che le venga rilasciato il passaporto.

Nei giorni scorsi, ha accolto il premier britannico David Cameron nella sua residenza di Rangoon. Insieme, hanno chiesto la fine delle sanzioni per aiutare il Myanmar sulla via delle riforme promesse dal regime.

Da Washington i ministri degli esteri del G8 ieri si sono detti a favore, l’Europa deciderà a breve.

La neo deputata, non usciva dal paese dal 1988, epoca del suo ritorno in patria al capezzale della madre e dell’ingresso in politica, sostenuta da un forte movimento popolare.

Da allora, l’icona della non violenza, a cui la giunta militare rubò la vittoria elettorale nel 1990, rifiutava di partire per timore dell’esilio forzato.