ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Via dall'Afghanistan nel 2013. L'Australia: "Il mondo ci segua"

Lettura in corso:

Via dall'Afghanistan nel 2013. L'Australia: "Il mondo ci segua"

Dimensioni di testo Aa Aa

A poche ore dalla sanguinosa ripresa dell’offensiva taleban, l’Australia sorprende la Nato e annuncia l’accelerazione del proprio ritiro dall’Afghanistan.

Con un anno d’anticipo sul calendario fissato dall’Alleanza Atlantica, la tempistica illustrata da Canberra prevede il rimpatrio della maggior parte dei suoi 1.500 uomini entro la fine del prossimo anno.

I dettagli sono attesi all’imminente conferenza sull’Afghanistan di Chicago.

Nel dare l’annuncio, il premier Julia Gillard ha auspicato che la metà del 2013 venga in quell’occasione riconosciuta come data chiave della strategia internazionale. Il ritiro, ha specificato, sarà comunque subordinato al trasferimento della sicurezza alle forze afgane nella provincia meridionale di Uruzgan, dove sono di stanza le truppe australiane.

Arrivato a poche ore dalla serie di attacchi coordinati a Kabul e altre località del Paese, l’annuncio di Canberra riaccende i dubbi sulla preparazione delle autorità afgane a garantire la transizione. Perplessità a cui il presidente Karzai ha replicato parlando di “fallimento dell’intelligence della Nato”.