ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Processo Ruby: dalle pentite di Arcore i racconti sul bunga-bunga

Lettura in corso:

Processo Ruby: dalle pentite di Arcore i racconti sul bunga-bunga

Dimensioni di testo Aa Aa

A Milano ieri è stato il giorno delle pentite del bunga-bunga. Imane, Melania, Maria, Ambra e Chiara. Per i magistrati sono loro le testimoni chiave del processo sul caso Ruby dove l’ex premier italiano Silvio Berlusconi è imputato per concussione e prostituzione minorile.

In aula davanti ai giudici la giovane modella marocchina Fadil parla sicura, decisa, senza esitazioni di quello che accadeva ad Arcore: festini, travestimenti imbarazzanti, prestazioni sessuali a pagamento con il Cavaliere. Serate organizzate a Villa San Martino dalla stessa Nicole Minette, consigliere regionale al Pirellone.

Si parla anche di video compromettenti forse finiti nelle mani della stessa Ruby e girati quando lei era ancora minorenne durante i bunga-bunga con Berlusconi.

Venerdi’ sono attesti in aula l’ex questore di Milano Indolfi e il capo di gabinetto Ostuni: coloro che ebbero a che fare con Ruby la notte del 27 maggio di due anni fa, quando la ragazza venne trattenuta e poi rilasciata in seguito a una telefonata fatta proprio dall’allora Presidente del Consiglio Berlusconi.