ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Petrolio: Argentina, non pagheremo risarcimenti a Repsol

Lettura in corso:

Petrolio: Argentina, non pagheremo risarcimenti a Repsol

Dimensioni di testo Aa Aa

Repsol non sarà risarcita. L’Argentina intende portare a termine la nazionalizzazione della compagnia petrolifera YPF senza compensi per l’azionista di maggioranza spagnolo.

Una presa di posizione che arriva dopo una giornata di tensioni tra Buenos Aires e Madrid, in cui è intervenuta a anche Bruxelles, richiamando l’Argentina al rispetto degli impegni internazionali.

Il capo del governo spagnolo, Mariano Rajoy, dal Forum economico mondiale in Messico, ha detto di ritenere ormai incrinate le relazioni tra Argentina e Spagna. “E’ una decisione che infrange la buona intesa che ha sempre caratterizzato i rapporti tra i due Paesi, danneggia la Spagna e l’Argentina”, ha detto Rajoy.

La presidente peronista Cristina Fernandez intende ridare il petrolio argentino agli argentini, accusando Repsol di non aver investito abbastanza nel Paese. Replica così a Madrid. “Come presidente non risponderò a minacce o scenate e non replicherò con la stessa mancanza di rispetto e linguaggio insolente di alcuni”.

Per cedere il 57 per cento dell’YPF, Repsol ha chiesto 8 miliardi di euro di risarcimenti. Ha ricavato utili molto elevati negli ultimi anni, quindi non gli stiamo rubando nulla, ha risposto Buenos Aires. Anzi, Repsol deve anche pagare i danni ambientali causati provincia per provincia.