ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giornata dei prigionieri palestinesi: migliaia di detenuti rifiutano il cibo

Lettura in corso:

Giornata dei prigionieri palestinesi: migliaia di detenuti rifiutano il cibo

Dimensioni di testo Aa Aa

Cortei di solidarietà lungo le strade di Gaza, sciopero della fame a oltranza nelle carceri israeliane. Nella giornata annuale dei prigionieri palestinesi, quasi 4700 in 17 penitenziari tra Israele e Cisgiordania, viene chiesto il rispetto dei loro diritti fondamentali.

Milleduecento detenuti hanno cominciato a rifiutare il cibo e il numero dovrebbe aumentare nei prossimi giorni. Nel corteo molte donne. “Non vedo i miei figli da otto anni”, racconta una di loro. “Non li ho sentiti. Ogni cinque mesi ricevo un messaggio da loro, ma non ho contatti diretti. Solo attraverso parenti che vivono in Cisgiordania e che possono andare a fargli visita in prigione riusciamo ad avere notizie”.

Solidarietà ai prigionieri anche in Cisgiordania. Viene chiesta in particolare la fine delle detenzioni amministrative, misura ereditata dal mandato britannico che permette a Israele di trattenere in prigione per periodi di sei mesi, rinnovabili, persone non giudicate. Tra queste c‘è il militante della Jihad islamica Khader Adnan, che viene liberato oggi, dopo 66 giorni di sciopero della fame.