ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: continua lo sciopero della fame per Oleg Shein

Lettura in corso:

Russia: continua lo sciopero della fame per Oleg Shein

Dimensioni di testo Aa Aa

Trentesimo giorno di sciopero della fame per il candidato sindaco di Astrakhan Oleg Shein, che continua a protestare contro le presunte frodi denunciate durante le elezioni amministrative. Pallido, le guance scavate e il volto sofferente per il digiuno, si prepara a portare il suo caso in tribunale, chiedendo un nuovo scrutinio.

“Il nostro obiettivo e rifare le elezioni ad Astrakhan” dichiara Shein. “Possono esserci diverse strategie per questo. Oggi, per esempio, abbiamo suggerito di tenere un referendum sulla correttezza delle elezioni in città”.

Il popolare blogger dell’opposizione Navalny appoggia Shein:

“E’ diventato tutto molto più ovvio per me, dopo che sono venuto e qui e ho visto le prove di violazioni nel voto: materiale video, eccetera. Shein è il sindaco di Astrakhan eletto legalmente, ma la mafia locale lo ha estromesso in modo illegale.

I sostenitori di Shein hanno indetto per questo sabato una manifestazione per appoggiare lo sciopero della fame.

La protesta del deputato della Duma sta mettendo in difficoltà il Cremlino.

Putin, che il prossimo 7 maggio comincerà il terzo mandato presidenziale, ha definito “strana” la protesta, suggerendo che il caso di Shein dovrebbe essere trattato dai tribunali. Sulla regolarità del voto è stata ordinata un’inchiesta.