ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Portogallo approva il patto fiscale europeo

Lettura in corso:

Il Portogallo approva il patto fiscale europeo

Dimensioni di testo Aa Aa

Un altro Paese “salvato” dall’Europa approva il l’accordo del rigore. Il Portogallo, dopo la Grecia, ha ratificato per via parlamentare il patto fiscale europeo. Fortemente sostenuto dal governo di centro-destra, il testo ha ottenuto un ampio appoggio, anche da sinistra, 204 sì, 24 no e due astensioni.
 
Firmato il 2 marzo a Bruxelles da 25 Paesi su 27, contrari Regno Unito e Repubblica Ceca, il patto entra in vigore dopo la ratifica da parte di 12 membri. Include anche il nuovo meccanismo di stabilità che aiuterà i Paesi della zona euro in caso di difficoltà. L’Irlanda ha scelto l’approvazione per via referendaria.
  
In Portogallo, le misure di austerità, applicate in cambio del prestito di 78 miliardi, dovrebbero contribuire a ridurre il deficit. Il debito resta elevato, dovrebbe attestarsi al 115 per cento entro la fine dell’anno.
 
Il Paese è in profonda recessione e nel 2012 il pil dovrebbe contrarsi di oltre il 3 per cento, il tasso di disoccupazione oltrepassare il 14 per cento. I tagli decisi dal governo hanno provocato manifestazioni di piazza, ultimo lo sciopero generale del 22 marzo.