ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rientrato il pericolo tsunami dopo il terremoto in Indonesia

Lettura in corso:

Rientrato il pericolo tsunami dopo il terremoto in Indonesia

Dimensioni di testo Aa Aa

L’organismo statunitense che sorveglia il rischio tsunami nell’Oceano Indiano ha ritirato l’allarme che era stato diffuso in seguito alle forti scosse di terremoto registrate davanti alle coste indonesiane.

“I dati in nostro possesso, scrivono in un comunciato ufficiale, ci fanno ritenere che il pericolo sia di molto diminuito o scomparso del tutto”.

Non si hanno notizie di vittime causate dal sisma di magnitudo 8.7 che pure è stato avvertito in India, Indonesia, Singapore e Thailandia. La piu forte scossa di terremoto, il cui epicentro è stato registrato a 400 chilometri al largo di Banda Aceh, in Indonesia, e a una profondità di 22 chilometri, ha fatto avvertire i suoi effetti in una ampia zona.

Per motivi precauzionali le autorità indiane avevano fatto evacuare due isole, Andamane e Nicobar, paventando il rischio di una onda alta quattro metri. Anche in Kenya e Tanzania era stato diramata un’allerta, ma anche questa sarebbe rientrata.

La paura di una onda anomala come conseguenza di un terremoto porta alla memoria la catastrofe del 26 dicembre del 2004, quando uno tsunami si abbattè sulle coste dell’Indonesia uccidendo decine di migliaia di persone.

A partire da quella tragedia il sistema di rilevazione delle onde anomale è stato messo a punto, e una rete mondiale di preallarme riesce ad anticipare di diverse ore gli avvisi di pericolo.