ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Putin fa appello all'unità, opposizione lascia la Duma

Lettura in corso:

Putin fa appello all'unità, opposizione lascia la Duma

Dimensioni di testo Aa Aa

Facendo appello all’unità, Vladimir Putin si è rivolto ai deputati nel suo ultimo discorso da premier, per presentare il bilancio di un anno segnato da proteste senza precedenti. In un intervento di oltre tre ore alla Duma – la camera bassa del Parlamento – il futuro presidente della Russia ha invocato un nuova era per lo sviluppo del Paese, che si lascia alle spalle la transizione post-sovietica.

“Il Paese ha attraversato un periodo difficile segnato dalle elezioni per il Parlamento e da quelle per il Capo dello Stato – ha detto -. E oggi noi percepiamo ancora l’eco di queste emozioni, di queste battaglie, ma la logica di una democrazia matura è che le elezioni si tengano e che poi si apra un periodo molto importante, il periodo del lavoro comune. Dobbiamo tutti guardare al futuro, cercando di capire che noi abbiamo una responsabilità comune di fronte al Paese”.

Il 7 maggio Vladimir Putin – 59 anni – si insedia di nuovo al Cremlino, in un nuovo scambio di ruoli con Dmitri Medvedev, che tornerà a fare il premier. Stesso copione a parti invertite di quattro anni fa. Ma dovrà fare i conti con la più pesante contestazione dal suo arrivo al potere nel 2000, di cui anche le sedie lasciate vuote dall’opposizione in segno di protesta sono simbolo.