ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dalla Siria spari in territorio turco: tre feriti

Lettura in corso:

Dalla Siria spari in territorio turco: tre feriti

Dimensioni di testo Aa Aa

L’esercito di Bashar Al Assad adesso spara anche contro chi è fuggito in Turchia. Nelle ultime ore due siriani e un cittadino turco sono rimasti feriti in un campo profughi da colpi sparati dalle forze del presidente siriano. Ankara ha protestato ufficialmente contro Damasco chiedendo un immediato cessate il fuoco. L’episodio fa aumentare
ulteriormente la tensione alla frontiera tra i due Paesi. Frontiera valicata ogni giorno da migliaia di persone in fuga dalla guerra.

L’incidente diplomatico avviene alla vigilia della visita di Kofi Annan in un campo profughi. Il mediatore delle Nazioni Unite e della Lega Araba, che un mese fa aveva incontrato il presidente siriano, aveva chiesto il ritiro delle truppe entro martedì. Ora però Al Assad fa marcia indietro e vuole garanzie scritte da parte dell’opposizione.
Nei campi per i rifugiati, allestiti dalla Turchia, la situazione si fa sempre più drammatica. Più di venticinquemila le persone, per la maggior parte donne e bambini, ospitate in strutture quasi al collasso.

In Siria invece si continua a morire. Scontri a fuoco si registrano nella provincia di Aleppo, nel nord del Paese e in quella di Deir Ezzor, nell’est, ma anche nelle province di Hama, Deraa e della capitale Damasco. Secondo il bilancio fornito dall’Osservatorio siriano per i diritti dell’uomo nelle ultime quarantott’ore sono almeno centottanta le persone che hanno perso la vita.