ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bossi si dimette "per il bene della Lega"

Lettura in corso:

Bossi si dimette "per il bene della Lega"

Dimensioni di testo Aa Aa

Umberto Bossi si è dimesso da segretario della Lega Nord, sull’onda dello scandalo dei fondi neri e tangenti che ha travolto il Carroccio. Un passo indietro, per “il bene del movimento e dei militanti”, ha dichiarato il Senatùr.

Le dimissioni arrivano dopo le nuove rivelazioni sui conti leghisti. Nella cassaforte di Francesco Belsito, il tesoriere indagato per truffa, appropriazione indebita e riciclaggio, sono stati trovati documenti, fatture e una cartella denominata «The Family».

L’ipotesi è che parte dei contributi elettorali venissero usati per pagare le spese private di casa Bossi, figli e moglie in primis.

“Non sono un complottista”, commenta Matteo Salvini della Lega, “Sicuramente la coincidenza di uno spiegamento di forze in piena campagna elettorale sull’unica forza di opposizione al governo che sta uccidendo il nord c’era. Tuttavia, le colpe non sono da meno. Se qualcuno ha sbagliato deve pagare, coincidenza o no”.

Colui che tuonava contro “Roma ladrona” e che portò la Lega alla prima vera vittoria elettorale nell’aprile del 1992, alleato storico nei governi Berlusconi, resta nel partito in qualità di presidente.

Fino al prossimo Congresso, la lega sarà guidata da un triumvirato composto dal contestato Roberto Maroni, Roberto Calderoli e Manuela Dal Lago.