ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Myanmar, dopo la vittoria di San Suu Kyi gli Usa allentano le sanzioni

Lettura in corso:

Myanmar, dopo la vittoria di San Suu Kyi gli Usa allentano le sanzioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Il trionfo elettorale del premio Nobel Aun San Suu Kyi apre la strada alla progressiva cancellazione delle sanzioni contro Myanmar, finora governata da una giunta militare.

Il governo statunitense ha già annunciato la possibilità per gli alti funzionari di Rangoon di ottenere un visto d’entrata negli Usa, e la segretaria di stato Hillary Clinton ha confermato di voler rendere possibili gli investimenti statunitensi in Myanmar, come parte di un più ampio sforzo per modernizzare e riformare tanto l’economia quanto la politica.

Nonostante le apparenze, Washington non intende rimuovere del tutto le sanzioni imposte da tempo al paese asiatico. La possibilità di ottenere un visto di ingresso, infatti, resterà limitata “a funzionari con una mentalità riformista”, e non sarà estesa a tutti i membri del governo.

Anche l’Unione europea punta ad alleggerire le sanzioni, con una decisione che verrà presa il 23 aprile prossimo dal vertice dei ministri degli Esteri dei 27.