ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania: Antitrust accusa cartello del petrolio

Lettura in corso:

Germania: Antitrust accusa cartello del petrolio

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Antitrust tedesca avvia un’inchiesta per concorrenza sleale contro le 5 principali aziende petrolifere e distributori di benzina: Bp, Esso, Jet, Shell e Total.

I giganti della distribuzione impedirebbero di operare in condizioni di libero mercato ai piccoli gruppi indipendenti che in pratica si trovano a dover concorrere con un vero e proprio cartello del carburante.

L’inchiesta arriva in un momento cui il settore è sotto il fuoco incrociato delle associazioni dei consumatori che stigamtizzano gli aumenti da record del prezzo della benzina alla pompa.

“Non va bene per nulla. Bisogna fare chiarezza e giustizia, le compagnie non possono prendersi delle libertà del genere. Non è giusto” dice un operatore indipendente.

Le stazioni di servizio indipendenti rappresentano in Germania un terzo circa del mercato.

“Il fatto che le stazioni di servizio indipendenti non debbano essere svantaggiate già ora deve essere applicato per legge” è la difesa di Shell.

Nella loro denuncia i piccoli operatori affermano di aver dovuto acquistare in molti casi il carburante dai grandi gruppi a prezzi superiori a quelli applicati ai distributori appartenenti al cartello.