ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, gli arresti anti-terrorismo e la corsa all'Eliseo

Lettura in corso:

Francia, gli arresti anti-terrorismo e la corsa all'Eliseo

Dimensioni di testo Aa Aa

Tolleranza zero contro il terrorismo in Francia, con 10 arresti ed espulsioni negli ambienti islamici radicali.

Ma le retate e l’ondata di operazioni di polizia in diverse città francesi, da Roubaix a Marsiglia, susseguitesi dopo la strage di Tolosa alimentano le polemiche a 20 giorni dalla elezioni presidenziali.

Secondo gli esperti, tutto questo clamore può innescare pericolosi effetti boomerang: “La gestione politica e mediatica dell’affaire Merah – rileva Anne Giudicelli di “Terrorisc” – ha contribuito ad elevare il livello della minaccia, soprattutto perche questo giovane oggi è stato preso a modello e considerato un eroe dai gruppi islamici. E’ passato per 48 ore sugli schermi di tutte le catene televisive internazionali. In realtà – ribadisce – ciò ha avuto l’effetto controproducente di accrescere il livello della minaccia terroristica”.

“Questa situazione – osserva l’analista politico Denis Sieffert – può permettere al presidente uscente di schivare un certo numero di temi che non gli sono favorevoli, rispetto al suo bilancio, alla disoccupazione, alle questione economica e sociale. Sarkozy – aggiunge – punta a conquistare per il secondo turno la porzione di elettorato di Marine Le Pen che è indecisa”.

Qualunque sia il risultato di operazioni antiterrorismo e il potenziale impatto sulle elezioni presidenziali, una cosa è certa: da Tolosa in poi, la campagna elettorale francese è cambiata.