ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cambiare targa nell'UE sarà piu' semplice

Lettura in corso:

Cambiare targa nell'UE sarà piu' semplice

Dimensioni di testo Aa Aa

Paese che vai, targa che trovi. Ogni anno sono circa 3 milioni e mezzo le macchine che circolano da uno stato all’altro e che devono essere re-immatricolate. E’ una formalità che si trasforma spesso in un incubo burocratico, alti costi, lunghe attese..Il Commissario per l’Industria Antonio Tajani ha proposto un regolamento per semplificare le procedure: spetterà ora alle amministrazioni nazionali scambiarsi le informazioni tecniche sul veicolo per via informatica.

I cittadini che si stabiliscono in modo permanente in un altro paese avranno sei mesi di tempo per cambiare targa. Camion e vetture di servizio dovranno essere registrate nel paese in cui risiede l’azienda.

In arrivo anche vantaggi anche per le società che affitano, potranno spostare le auto liberamente da un paese all’altro secondo la stagione turistica e senza nuove immatricolazioni. Anche i clienti dovrebbero guadagnarci secondo Didier Fenix, di Europecar Belgium: “Se vediamo che possiamo effettivamente risparmiare sui costi logistici, in un mercato estremamente competitivo, tradurremo questo risparmio in prezzi finali piu’ bassi”.

La proposta tuttavia è stata critica come poco ambiziosa perché non riguarda i lavoratori che si trasferiscono in via temporanea per oltre sei mesi.

Audrey Tilve, euronews: “Alla fine la soluzione piu’ semplice sarebbe stata quellla di immatricolazioni europee e non piu’ nazionali. Una svolta che l’Europa non è ancora pronta ad intraprendere”.