ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: vertice Istanbul riconosce organo opposizione

Lettura in corso:

Siria: vertice Istanbul riconosce organo opposizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Applicare senza ulteriori ritardi il piano di pace dell’inviato delle Nazioni Unite Kofi Annan. E’ la richiesta formulata dagli 83 Stati che hanno preso parte alla conferenza per la Siria ad Istanbul. Conferenza nella quale è stato riconosciuto il Consiglio Nazionale Siriano.

“Il Consiglio Nazionale Siriano è ormai riconosciuto come rappresentante legittimo del popolo siriano. Questo significa che il regime siriano agli occhi di questi Paesi non è più un rappresentante legittimo. Oggi il regime siriano è considerato un potere illegimmito” dice Burhan Ghalioun, Presidente del Consiglio Nazionale Siriano.

Russia e Cina, membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, erano tra gli assenti di rilievo al vertice, assieme all’Iran, fedele alleato del regime di Bashar Al-Assad. Gli Stati Uniti hanno formalmente annunciato il proprio appoggio agli organi dell’opposizione:

“Gli Stati Uniti stanno andando anche oltre l’aiuto umanitario, fornendo supporto all’opposizione civile, compresi materiali per le comunicazioni che aiutino gli attivisti ad organizzarsi, ad evitare gli attacchi del regime e a comunicare con il mondo esterno” ha detto il Segretario di Stato americano Hillary Clinton.

Le richieste del consesso riunito a Istanbul aumentano certo la pressione su Damasco. Ma da un anno a questa parte, da quando sono cominciate le proteste, Al-Assad non ha mantenuto nessuna delle promesse fatte e la repressione è costata finora circa 10.000 vite umane.