ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Istanbul, gli "Amici della Siria" riconoscono il Consiglio Nazionale siriano

Lettura in corso:

Istanbul, gli "Amici della Siria" riconoscono il Consiglio Nazionale siriano

Dimensioni di testo Aa Aa

Si al piano di Onu e Lega Araba, ma entro tempi precisi. Questa la decisione dei 70 Paesi riuniti a Istanbul per la seconda conferenza “Amici della Siria”. Riconosciuto anche il Consiglio Nazionale come rappresentante legittimo del popolo siriano.

Il Premier turco Erdogan non esclude l’intervento armato qualora il piano dovesse fallire: “Se il Consiglio di Sicurezza dovesse fallire ancora una volta, non ci sarà altra scelta se non supportare il diritto del popolo siriano alla legittima difesa”

Ma la posizione degli “Amici della Siria” non è esente da contraddizioni, come spiega Husnu Mahalli, analista presente alla conferenza: “Da un lato Kofi Annan sta lavorando per una soluzione politica e pacifica, dall’altro ci si incontra qui e si discute di armare e dare soldi ai ribelli. Da un parte una cosa giusta, dall’altra una sbagliata. E’ l’ipocrisia dell’Occidente.

Nelle strade d’Istanbul centinaia i manifestanti pro e contro Assad. Dall’inizio della ribellione siriana la Turchia è il principale Paese ad accogliere profughi.

La prossima conferenza dei Paesi amici della Siria è prevista per la metà di Aprile in Francia.