ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ultimatum della Cedeao ai golpisti del Mali

Lettura in corso:

Ultimatum della Cedeao ai golpisti del Mali

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Africa occidentale lancia un ultimatum alla giunta militare che ha preso il potere in Mali il 22 marzo scorso: l’ordine costituzionale deve essere ristabilito al più tardi lunedì, pena un embargo diplomatico e finanziario.

Lo ha deciso una delegazione della Comunità economica degli Stati dell’Africa dell’Ovest, che, a causa di una manifestazione dei golpisti a Bamako, ha rinunciato all’incontro con il loro capo e si è riunita ad Abidjan.

Il presidente della Cedeao, Kadrè Desirè Ouedraogo, entra nel dettaglio delle sanzioni: “Richiamo per consultazione degli ambasciatori dei paesi membri accreditati presso la Repubblica del Mali. Divieto di viaggiare per i membri della giunta e dei loro associati all’interno dello spazio Cedeao”.

Nel frattempo i ribelli Tuareg e dei gruppi islamici amati hanno attaccato Kidal, nel nord-est, una regione dove l’esercito è in difficoltà da gennaio

La giunta, che martedì ha consacrato capo di stato il capitano Amadou Sanogo e proclamato una nuova Costituzione, aveva invocato proprio il fallimento del regime contro la rivolta per giustificare il putsch contro il presidente Amadou Toumani Touré.