ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Individuata l'origine della fuga di gas nel Mare del Nord

Lettura in corso:

Individuata l'origine della fuga di gas nel Mare del Nord

Dimensioni di testo Aa Aa

La fuga di gas nel Mare del Nord è stata individuata, ma bloccarla potrebbe richiedere più tempo del previsto, fa sapere Total. Impossibile per ora scongiurare eventuali esplosioni in una zona i cui rischi sono già stati denunciati in passato dalla stampa britannica.

I responsabili della compagnia petrolifera francese hanno inviato due imbarcazioni nei pressi della piattaforma Elgin, al largo della Scozia, a circa 250 chilometri da Aberdeen, per contrastare l’emergenza in atto da domenica.

Il problema principale è l’origine stessa della fuoriuscita: è stata infatti individuata a circa quattromila metri di profondità, in cima a una formazione rocciosa che sovrasta il bacino principale.

Facendo anche leva sulla direzione dei venti, Total – per voce di David Hainsworth, responsabile della sicurezza e dell’ambiente – cerca di minimizzare i rischi. Uno di questi è costituito dalla fiamma della piattaforma – necessaria per diminuire la pressione sulla piattaforma stessa – ma potenzialmente esplosiva.

Le due imbarcazioni anti-incendio di Total sono pronte a intervenire. Creare un pozzo di alleggerimento potrebbe richiedere mesi.