ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa: riforma sanitaria, un sogno da incubo

Lettura in corso:

Usa: riforma sanitaria, un sogno da incubo

Dimensioni di testo Aa Aa

Assistenza sanitaria per tutti, il sogno del presidente Obama, che non è diventato il sogno di tutti gli americani.

A due anni dalla promulgazione della legge che riforma il sistema sanitario statunitense, il 47% degli americani è contrario, solo il 36% è favorevole
Perché?

Il nodo cruciale è l’obbligatorietà dell`assicurazione per tutti.

I 32 milioni di americani senza assicurazione sanitaria hanno ancora due anni per contrarne une, altrimenti possono incorrere in sanzioni.

Sanzioni pari a 95 dollari per un adulto, la metà per i bambini, multe che potrebbero salire a 695 dollari nel 2016.

Per una copertura pari al 70%, il costo annuale è di poco più di 5000 dollari. L’intervento statale può coprire il 96% dei costi per i meno abbienti.

Obbligare i cittadini a comprare qualcosa è un precedente pericoloso, per i detrattori della riforma come questo artigiano:

John O’Connor, artigiano: “Dovremmo poter controllare il nostro destino, i cittadini i consumatori dovrebbero avere più voce in capitolo. Quando il governo interviene, con l’idea di migliorare le cose, come imprenditore indipendente, voglio dire la mia”.

Al di la della sua dimensione sociale, la riforma sanitaria mira a colmare il buco di 43 miliardi di dollari causato ai non assicurati.

Non essendo assicurati questi pazienti non consultano il medico se non costretti.

In questo caso le cure risultano peraltro carissime e i malati non sono in grado di pagarle.

Un dramma che questo medico capisce ed è per questo che è sceso in piazza per difendere la riforma Obama.

BASIM KHAN, primario:

“Senza assistenza, chi ha bisogna evita le cure fino all’estremo. Si recano alla fine al pronto soccorso cosa che costa allo stato migliaia e migliaia di dollari.
Come Paese dobbiamo assicurare l’assistenza sanitaria, il progetto di legge non sarà perfetto , ma ci muoviamo nella buona direzione”.

Se l’obbligo di contrarre un’assicurazione malattia dovesse essere considerato incostituzionale dalla Corte suprema in giugno, il sogno di Obama potrebbe diventare il suo incubo a 4 mesi dalle elezioni.