ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Onu: ora la Siria deve attuare il piano di pace

Lettura in corso:

Onu: ora la Siria deve attuare il piano di pace

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo le parole, i fatti. È quanto Nazioni Unite e opposizione siriana si aspettano da Bachar al-Assad che ha detto sì al piano di pace di Kofi Annan.

Ma che intanto non ferma le bombe e visita le truppe tra le macerie di Homs, promettendone la ricostruzione all’indomani di un ennesimo bombardamento a tappeto.

Lunedì l’inviato delle Nazioni unite e della Lega araba, che ha portato dalla sua anche Russia e Cina, farà il punto in videoconferenza con il Consiglio di sicurezza Onu sul sì di Damasco, primo gesto importante verso la pace. Ma non sufficiente: “Il primo passo concreto sarà il ritiro delle armi pesanti intorno alla popolazione siriana”, commenta Mark Lyall Grant, ambasciatore britannico alle Nazioni unite, “Sarà un test importante per capire se il governo siriano sta per attuare davvero gli impegni presi”.

Dal canto suo l’opposizione, ricompattata intorno al Consiglio nazionale siriano, chiede il ritiro immediato dei carri armati dalle città, come prova concreta della volontà di Damasco di far cessare le violenze che hanno già fatto oltre 9 mila vittime.