ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La crisi in Spagna a livelli record

Lettura in corso:

La crisi in Spagna a livelli record

Dimensioni di testo Aa Aa

Era la Spagna dei miracoli. Ora, da tempo, è la Spagna della paura. Un capovolgimento di fronte tanto repentino quanto inatteso. E per fortuna che Madrid ha un vantaggio, forse l’unico, di fondo: cioè quel debito al 68,5% del Pil che resta tuttora uno dei più bassi a livello di eurozona. Se non ci fosse quel paracadute lo spread sul Bund sarebbe schizzato a livelli insostenibili.

Un quadro tutt’altro che ottimistico con una crescita negativa dell’1,7% , in altre parole il paese é in recessione e con un tasso di disoccupazione record.

Seconfo il primo ministro italiano Mario Monti la Spagna é passata attraverso una riforma del lavoro, ma non ha certo prestato la stessa attenzione al deficit con tuttee le conseguenze che ne derivano dal momento che i tassi d’interesse sono in crescita.

L’esposizione al settore immobiliare vale oltre 300 miliardi e ben la metà sono tuttora prestiti considerati problematici, cioè di difficile recupero. Una massa imponente che sta scavando solchi profondi nei conti soprattutto delle casse di risparmio locali.