ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Port Sid: ancora scontri e vittime per il calcio

Lettura in corso:

Port Sid: ancora scontri e vittime per il calcio

Dimensioni di testo Aa Aa

Di nuovo tensione a Port Said: migliaia di egiziani sono scesi in piazza dopo le gravi violenze avvenute nella notte tra venerdì e sabato.

La polizia era intervenuta per arginare la collera dei tifosi dell’Al Nasry, esplosa dopo la squalifica della squadra di casa per due anni e la chiusura dello stadio per tre.

Negli scontri, oltre a decine di feriti, ha perso la vita un tredicenne. Secondo le forze dell’ordine, sarebbe morto nella calca ma la famiglia contesta il referto del medico legale e afferma che è stato ucciso da un proiettile durante la guerriglia che ha devastato la città.

Le sanzioni contro la squadra locale sono la risposta della federazione nazionale calcio ai 74 morti degli incidenti del primo febbraio, avvenuti in occasione della partita contro la squadra del Cairo.

Settantacinque persone sono state accusate di omicidio premeditato, tra cui molti tifosi e nove dirigenti delle forze di sicurezza.