ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele-Ue: scintille per un errore di trascrizione

Lettura in corso:

Israele-Ue: scintille per un errore di trascrizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Un errore nella trascrizione di un discorso di Catherine Ashton provoca la reazione compatta e indignata della politica israeliana. Pomo della discordia: l’omissione di un riferimento alle vittime israliane insieme a quelle della Striscia di Gaza, nel commemorare i bambini uccisi a Tolosa.

“Quanto mi indigna – ha detto il premier Netanyahu, facendo eco ai Ministri di Difesa ed Esteri – è soprattutto il paragone tra i bambini vittime di questa tragedia e gli interventi difensivi e ‘chirurgici’ messi in atto dalle forze militari israeliane, per contrastare i terroristi che ai bambini ricorrono come scudi umani”.

Queste le parole pronunciate lunedì dalla Ashton a Bruxelles, da cui una frettolosa trascrizione aveva fatto scomparire il riferimento alle vittime isrealiane.

“Pensare a quanto accaduto a Tolosa – aveva detto lunedì l’Alto rappresentante della politica estera europea – a quanto accaduto in Norvegia lo scorso anno, quanto sta accadendo in Siria, a Gaza e Sderot e in altre parti del mondo ci impone di ricordare i giovani e i bambini che stanno perdendo la vita”.

Pubblicando martedì una trascrizione “rettificata” del discorso, l’Unione Europea ha implicitamente ammesso di essere all’origine del qui pro quo, che aveva scatenato la colera di Tel Aviv.