ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tolosa: comunità ebraica sotto choc

Lettura in corso:

Tolosa: comunità ebraica sotto choc

Dimensioni di testo Aa Aa

A Tolosa, e in particolare nella comunità ebraica, lo sconcerto è evidente: genitori e insegnanti ore dopo gli spari erano ancora lì, davanti al liceo.

La comunità ebraica francese non è mai entrata nell’agone politico, è tranquilla e silenziosa, sottolineano. Non si aspettavano una violenza del genere:

“Sono disgustata. È una scuola piccola, tranquilla. Non facciamo del male a nessuno. Non diciamo niente. E d’improvviso una cosa del genere si abbatte su una scuola ebraica. Ci dovrebbero essere degli agenti, quantomeno, per sorvegliare le scuole religiose, con quel che succede ai giorni nostri. Sarebbe la prima cosa da fare. Prima, c’erano, adesso non ce n‘è più”.

“Siamo sotto choc. Non pensavamo che potesse succedere a un liceo ebraico. Ancora ieri, uscendo, qui, pensavo ‘è tranquillo, c‘è anche una telecamera di sicurezza’. Ma alla fine ci rendiamo conto di dover veramente raddoppiare la vigilanza”.

Un rappresentante della comunità ebraica francese, Gil Taïeb, in un’intervista che abbiamo realizzato al telefono esprime apprezzamento per la reazione collettiva, per la commozione che l’episodio ha suscitato nel Paese.

“Il fatto che ci sia una mobilitazione nazionale di fronte alla morte di bambini vittime di un assassino mi sembra una reazione sana, e sarebbe stata la stessa se fosse stata colpita qualunque altra scuola, se fosse stato assassinato qualunque altro bambino. E quindi per me è una reazione normale”.