ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Afghanistan, strage civili: diffusi nome e volto del sergente sospettato

Lettura in corso:

Afghanistan, strage civili: diffusi nome e volto del sergente sospettato

Dimensioni di testo Aa Aa

Si chiama Robert Bales, ha 38 anni ed è padre di due bambini. È lui il sergente americano accusato del brutale massacro di civili in un villaggio dell’Afghanistan.

Nel giorno della diffusione del suo nome e del suo volto in rete, apparso in una foto su un sito militare, Hamid Karzai ha incontrato i familiari delle vittime.

Il presidente afghano sostiene la tesi dilagante che il militare non abbia agito da solo:

“Donne e bambini sono stati ammazzati in quattro stanze e poi portati tutti in un’altra camera, dove è stato dato fuoco ai corpi”, ha dichiarato, “Un uomo solo non poteva farlo. Il team afghano che sta investigando non sta ricevendo la cooperazione attesa dagli Stati Uniti”.

Il militare è stato trasferito in una prigione di massima sicurezza nel Kansas.

La difesa sostiene che il sergente soffrisse di un grave stato depressivo. Ferito in due precedenti missioni in Iraq, non voleva andare in Afghanistan.

Il giorno prima del massacro, sotto i suoi occhi un compagno era stato gravemente colpito ad una gamba.