ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Piu' tempo alla Spagna. Sanzioni in vista per l'Ungheria, critiche per il diverso trattamento

Lettura in corso:

Piu' tempo alla Spagna. Sanzioni in vista per l'Ungheria, critiche per il diverso trattamento

Dimensioni di testo Aa Aa

La Spagna ha accettato le richieste dei partner europei. Dovrà portare il suo deficit al 5,3 % del Pil quest’anno.

A Bruxelles i ministri europei hanno deciso di dare un po’ piu’ di margine di manovra a Madrid pur mantenendo gli obiettivi dell’anno prossimo, ha sottolineato il ministro delle finanze francese Francois Baroin, agggiungendo che “Quel che è vero per la Spagna è vero anche per tutti gli altri paesi. Stiamo ricostruendo la fiducia nella zona euro, adottando misure per contenere i debiti”.

Se la Spagna respira, l’Ungheria potrebbe essere sanzionata per deficit eccessivo, una situazione che dura dal 2004, ma alcuni paesi hanno protestato per il diverso trattamento riservato ai due stati.

I ministri europei discuteranno anche della tassa sulle transazioni finanziarie, una proposta che non piace alla Svezia.

“Aumenterà i costi dei mutui immobiliari – spiega il ministro delle finance svedese Anders Borg- e aumenterà i costi per ottenere dei capitali per le società e per i governi. E’ una proposta che non va nella direzione della crescita europea”

Natalia Richardson-Vikulina, Euronews:

“L’idea di una tassa sulle transazioni finanziarie è nata 40 anni fa. Ma l’unione europea vuole introdurre l’imposta ora perché cerca liquidità per risolvere la crisi. L’Europa pensa inoltre che l’industria finanziaria sia tassata di meno rispetto ad altri settori.”