ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Canada: i fumatori chiedono 20 miliardi di danni

Lettura in corso:

Canada: i fumatori chiedono 20 miliardi di danni

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre venti miliardi di euro di risarcimento per danni alla salute.

È quanto hanno chiesto nel Quebec due milioni di fumatori ed ex fumatori, molti di loro malati di cancro, in un processo collettivo che si è aperto lunedì a Montréal.

Accusano i tre principali produttori di sigarette (Imperial Tobacco Canada, filiale di BAT, JTI-Macdonald e Rothmans Benson & Hedges, RBH) di aver messo sul mercato prodotti nocivi e di averne minimizzato o nascosto i rischi.

“Sono malati”, dice Mario Bujold del Consiglio Tabacco & Salute del Quebec, “Hanno dei problemi e vogliono giustizia per quello che hanno sofferto”.

I rischi sono noti a tutti, ribattono i produttori che parlano di assenza di prove e di libero arbitrio: “Fumare è una scelta che le persone fanno per molte ragioni”, ribatte Deborah Glendinning, avvocato dell’Imperial Tobacco Canada, filiale della BAT, “Devono assumersene le responsabilità”.

Per il Canada, si tratta del processo più importante mai registrato, costato tredici anni di procedure.

Ma è dalla fine degli anni novanta che i produttori di tabacco sono stati messi in causa in diversi paesi.