ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un anno dopo, l'Europa ha ricordato Fukushima

Lettura in corso:

Un anno dopo, l'Europa ha ricordato Fukushima

Dimensioni di testo Aa Aa

Migliaia di persone hanno commemorato in tutta Europa il primo anniversario del disastro di Fukushima, occasione per gridare “no” al nucleare. In Germania, gli attivisti si sono dati appuntamento un po’ in tutto il Paese e davanti ai principali impianti. “Ho cinque figli – dice una manifestante a Gundremmingen – e mi sono presa cura della generazione futura e ora mi sento responsabile, devo dare loro risposte a domande che anche io mi pongo”.

I manifestanti hanno reso omaggio alle vittime dello tsunami, e ricordato un incidente che ha portato il governo di Berlino a modificare i piani sul nucleare.

In Belgio un corteo ha attraversato Bruxelles per commemorare gli eventi di Fukushima, e per chiedere di velocizzare l’uscita dal nucleare, decisa dal governo lo scorso anno.

Le manifestazioni in Francia hanno preso la forma di un’infinita catena umana – più di duecento chilometri, più di cinquantamila persone – che ha simbolicamente collegato Lione ad Avignone, nell’area più nuclearizzata del Paese.