ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Libia. Il CNT: contro la sedizione dell'est potremmo usare la forza


Libia

Libia. Il CNT: contro la sedizione dell'est potremmo usare la forza

Il Consiglio Nazionale di Transizione libico mette in guardia le tribù dell’est che ieri hanno proclamato l’autonomia della Cirenaica. Il leader del CNT, Mustafa Abdel Jalil, minaccia di ricorrere all’uso della forza per impedire quella che ha definito “la sedizione dell’est”. Ieri Jalil aveva lanciato un appello all’unità:

“Chiedo a tutti i libici di stringersi intorno al Consiglio che è stato legittimato dalla comunità internazionale”.

La Cirenaica è la regione da cui è partita la rivolta contro Gheddafi ed anche la più ricca di idrocarburi e di infrastrutture petrolifere. Secondo il Consiglio Nazionale di Transizione alcune potenze arabe starebbero tentando di smembrare la Libia per accaparrarsene le risorse.

A Bengasi, principale località della Cirenaica, non tutti sono favorevoli al progetto autonomista:

“No al federalismo, no al regionalismo, sì alla Libia unita. Tripoli è la nostra capitale, Bengasi non deve dividere il paese. Vogliamo l’unità, l’unità per sempre”.

Fino al 1963 la Libia era suddivisa in tre regioni. Secondo questi manifestanti di Bengasi imporre il federalismo sarebbe un ritorno al passato.

Prossimo Articolo

mondo

Primarie repubblicane. Il Supermartedì non decide