ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele. Convivere con la paura della guerra con l'Iran

Lettura in corso:

Israele. Convivere con la paura della guerra con l'Iran

Dimensioni di testo Aa Aa

Sotto la piazza antistante il teatro Habima di Tel Aviv si stanno dando gli ultimi tocchi a un rifugio che potrà accogliere fino a 2mila persone. In Israele l’aumento della tensione con l’Iran è direttamente proporzionale all’incremento della paura di un eventuale attacco.

“L’amministrazione di Tel Aviv fa ogni sforzo, impiegando tempo, denaro e ore di lavoro per essere pronti una volta venuto il momento, secondo me siamo pronti”, dice Moshe Tiomkin, capo del Comitato municipale sicurezza di Tel Aviv.

C‘è però chi teme che il paese, invece, non sia in grado di affrontare una guerra. Il rinnovato sostegno degli Stati Uniti è un sollievo ma fino a un certo punto. Un’abitante di Tel Aviv:

“Mi preoccupo perché se ci attaccheranno non ci saranno vie di fuga. Alla fine non potrà vincere nessuno. Che succederà? È inquietante”.

Gli israeliani sanno di essere nel mirino della potenza balistica iraniana. Teoricamente i missili lanciati dalla Repubblica islamica possono colpire qualunque obiettivo in Israele.