ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vertice europeo: firmato il patto fiscale, forti pressioni sulla Siria

Lettura in corso:

Vertice europeo: firmato il patto fiscale, forti pressioni sulla Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

Nasce targato Germania, ma è un patto a Venticinque. A Bruxelles i leader europei hanno firmato il nuovo trattato fiscale che li obbliga a introdurre il principio del pareggio di bilancio nelle loro legislazioni.

Raggiunta una maggiore stabilità, si guarda alla ripresa economica, sottolinea il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy: “Non facciamo questo perché ci piace ridurre il defficit, perché ci piace ridurre il debito pubblico, ma perché questo porterà alla crescita economica e all’aumento dei posti di lavoro”

Repubblica Ceca e Gran Bretagna non hanno firmato il patto fiscale.

Il premier britannico David Cameron si è invece concentrato sulla questione siriana, accusando il regime di Assad di atrocità: “Ho un messaggio chiaro per le autorità in Siria- detto David Cameron- “fate una scelta, girate le spalle a questo regime criminale o affrontate la giustizia per il sangue che avete sulle mani”

Se in materia di politica estera l’Europa accentua la la pressione sul regime siriano, sulle questioni economiche la bufera finanziaria sembra alle spalle, ma le congiuntura è ancora negativa.

Spagna e Paesi Bassi annunciano un deficit piu’ alto del previsto e la Grecia è ancora in bilico, sottolinea il corrispondente di Euronews.

Andrei Beketov, euronews:
“E’ stato un vertice relativamente tranquillo, i capi di stato e di governo hanno cercato di salvare gli altri paesi dal contagio con nuove riforme. La settimana prossima sarà chiaro quanto deve ancora pagare la Grecia e si vedrà se le soluzioni trovate sono state sufficienti”.