ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: sequestro in azienda per il posto di lavoro

Lettura in corso:

Grecia: sequestro in azienda per il posto di lavoro

Dimensioni di testo Aa Aa

In Grecia la crisi è collettiva, ma provoca drammi individuali, come quello avvenuto a Komotini, nel nord est del paese. Un uomo licenziato lo scorso agosto ha sparato con un fucile da caccia contro il suo capo e un dipendente. I due sono rimasti feriti ma non sono in pericolo di vita. L’uomo, 52 anni, ha poi preso in ostaggio altri due impiegati. Si è consegnato alla polizia dopo dodici ore dall’irruzione nella sua vecchia azienda.

“Il problema è capire perché lo ha fatto -dice questo responsabile sindacale. Che cosa gli ha armato la mano? La disoccupazione, il taglio dei salari. Questi sono episodi che vedremo molto spesso”.

L’assalitore chiedeva di riavere il proprio posto di lavoro e 30 mila euro di denaro di cui l’azienda gli è a suo dire debitrice. La compagnia aveva licenziato l’anno scorso circa la metà dei suoi dipendenti.