ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Firmato il patto fiscale per l'Europa

Lettura in corso:

Firmato il patto fiscale per l'Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Un patto fiscale per dare stabilità all’Europa. La proposta tedesca è diventata realtà con la firma del nuovo trattato al vertice europeo di Bruxelles. Con la ratifica di questo patto, i venticinque paesi che lo hanno sottoscritto si impegnano a introdurre il principio del pareggio di bilancio nelle loro leggi costituzionali.

Per il presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy il ritorno della fiducia nella zona euro porterà alla crescita e all’occupazione. Questo è il nostro obiettivo ultimo. Il contenimento del deficit e del debito è solo un obiettivo intermediario”

I cechi e i britannici non hanno voluto firmare l’accordo, al suo arrivo il primo ministro britannico David Cameron ha preferito parlare di politica estera, e dei massacri in Siria:

“E’ importante avere un quadro della situazione, c‘è un regime criminale- ha detto Cameron- dobbiamo essere sicuri che siano considerati i crimini che sta commettendo contro il suo popolo, non importa quanto tempo ci vorrà, arriverà la resa dei conti per questo orribile regime”.

Secondo le prime indiscrezioni i leader europei hanno riconosciuto il consiglio nazionale siriano come legittimo rappresentante del popolo siriano, e vogliono lanciare un appello all’unità dell’opposizione.

Andrei Beketov, Euronews:
“Per quanto riguarda le questioni economiche, il summit europeo mostra che l’integrazione europea continua- sottolinea l’inviato di Euronews- “nonostante le difficoltà dell’euro l’interesse verso la moneta unica non è diminuito. Il patto fiscale è un altro passo verso il governo economico”.