ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bloccata la Croce Rossa a Homs: niente aiuti al quartiere bombardato

Lettura in corso:

Bloccata la Croce Rossa a Homs: niente aiuti al quartiere bombardato

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ stato bloccato il convoglio di aiuti della Croce Rossa internazionale giunto a Homs e diretto verso il quartiere di Bab Amro, per giorni bersagliato dall’artiglieria siriana. Il responsabile della Croce Rossa ha dichiarato che il convoglio resterà in città nella notte nella speranza di poter consegnare gli aiuti al più presto.

Fonti dell’opposizione parlano di decine di giovani giustiziati sommariamente. La Francia ha deciso di chiudere la propria ambasciata in Siria, mentre il premier britannico Cameron è sempre più critico contro il regime:

“Abbiamo appena cominciato ad aiutare chi ne ha bisogno, chi è rimasto ferito o sta per morire. Il mondo intero deve condannare questo massacro. Mi rivolgo a cinesi e russi: guardate le sofferenze della Siria, e ripensate al vostro sostegno ad un regime criminale”.

Un invito dal quale si sottrae il primo ministro russo Vladimir Putin giustificando il veto russo al Consiglio di sicurezza dell’Onu:

“Il nostro obiettivo non è quello di far prevalere una parte o l’altra, il governo o i ribelli armati. Il nostro obiettivo punta alla riconciliazione”.

Una riconciliazione che appare al momento impossibile. Un video diffuso dai ribelli, e non verificato da fonti indipendenti, mostra lo scoppio di un ordigno nel pieno di una manifestazione anti-regime questo venerdì a Rastan, nella provincia di Homs.

Le immagini mostrano numerosi corpi dilaniati. Un primo bilancio parla di oltre una decina di vittime.