ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: decine di morti nel giorno del referendum boicottato da opposizione

Lettura in corso:

Siria: decine di morti nel giorno del referendum boicottato da opposizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Bombe e seggi elettorali: la giornata del referendum costituzionale in Siria non ha fermato nemmeno per un istante il bagno di sangue che il Paese vive ormai da un anno. 57 i morti, di cui 34 civili, nella sola giornata del voto.

Un voto farsa secondo l’opposizione siriana: la nuova costituzione che pone fine al dominio del partito Baas, che ha alle spalle mezzo secolo di egemonia, lascia intatta la posizione di Bashar Al-Assad.

“Ci vorrebbero prima di tutto delle iniziative per fermare la carneficina, per andare verso la riconciliazione e poi si potrebbe avere un referendum che protegga la Siria unita che conoscevamo” ha commentato da Doha il Premier del Marocco.

“La riforma costituzionale è una delusione, non contiene nulla che sia degno di menzione” sostiene il ministro degli Esteri tunisino. “Non c‘è nessun cambiamento radicale. Il ruolo del partito di governo non subisce sostanziali modifiche. Bashar Al-Assad resta alla guida. E’ una costituzione che non risponde alle aspirazioni del popolo siriano”.

Erano 14 milioni i cittadini siriani chiamati ad esprimersi ieri. Un voto boicottato dall’opposizione. La nuova costituzione permette in teoria al Presidente Al-Assad di restare al potere ancora 16 anni.