ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tunisia, diplomazie al lavoro per la conferenza "Amici della Siria"

Lettura in corso:

Tunisia, diplomazie al lavoro per la conferenza "Amici della Siria"

Dimensioni di testo Aa Aa

Manifestazioni pro Assad in Tunisia hanno accompagnato l’apertura della conferenza “Amici della Siria” proposta dalla Lega Araba.

Quasi 60 i Paesi che hanno aderito tra cui gli Stati Uniti, la Turchia e l’Europa. A Tunisi, Hillary Clinton e anche il Ministro degli esteri italiano Giulio Terzi di Sant’Agata, che condivide l’approccio dei partner internazionali volto ad intensificare le pressioni per un intervento umanitario e ad avviare un dialogo politico credibile per fermare il massacro.

Il nodo da sciogliere resta la legittimità del Presidente siriano Bashar al-Assad. La diplomazia è ancora spaccata con Russia e Cina, assenti all’appuntamento di Tunisi, che si confermano “alleati di ferro” del regime di Damasco.

Intanto dalla conferenza in corso di svolgimento arrivano i primi segnali. Il presidente tunisino Marzouki propone di offire ad Assad l’immunità e il Qatar di istituire una forza di pace araba in Siria per garantire la sicurezza della popolazione.