ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Karzai chiede giustizia per la profanazione del Corano

Lettura in corso:

Karzai chiede giustizia per la profanazione del Corano

Dimensioni di testo Aa Aa

Non cessa la rabbia afghana dopo l’episodio del Corano dato alle fiamme nella base aerea americana di Bagram, a nord della capitale. L’ondata di violenze che prosegue da martedì ha causato una dozzina di morti, tra cui due soldati statunitensi.
Il Presidente Hamid Karzai ha reclamato giustizia davanti al tribunale civile per i militari che hanno profanato il libro sacro: una richiesta che, secondo Kaboul, la Nato avrebbe accolto, notizia però non confermata da parte dell’Alleanza atlantica.

Sayed Jamil, un operaio ventiduenne che ha assistito all’accaduto, si dice ancora sconvolto:

“Mi sono gettato tra le fiamme e ho trovato capitoli del Corano. Eravamo in un’area della base dove c’era odore di urina, e c’erano riviste erotiche americane, era la loro immondizia”.

Non si tratta del primo incidente a complicare gli sforzi di pacificazione prima del ritiro a fine 2014. Un mese fa, lo scandalo dei marines filmati mentre urinano su cadaveri di Taleban afghani.