ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Incontro "Amici della Siria", priorità ai soccorsi umanitari

Lettura in corso:

Incontro "Amici della Siria", priorità ai soccorsi umanitari

Incontro "Amici della Siria", priorità ai soccorsi umanitari
Dimensioni di testo Aa Aa

Assicurare il soccorso umanitario, specialmente nelle città come Homs, bombardate dall’esercito: questa la priorità nell’incontro degli “Amici della Siria”, in programma per oggi a Tunisi. Per il Consiglio nazionale siriano, anche un’occasione per discutere del riconoscimento dell’opposizione come legittimo rappresentante del Paese, e di come armare i ribelli.

Mohammad Farouk, Vicepresidente Consiglio nazionale siriano

“Ci aspettiamo supporto per il popolo siriano e per l’opposizione, attraverso la creazione di passaggi sicuri per mettere in salvo le persone e per portare aiuti umanitari e protezione ai civili”.

Alla riunione partecipano oltre 70 tra Stati e gruppi internazionali. A organizzare l’incontro, le autorità tunisine, che proporranno un piano di azione simile a quello adottato per lo Yemen, incluso il dispiego di una forza di peace-keeping.

Adnene Moncer, portavoce Presidente tunisino

“Crediamo che questa conferenza porterà a una soluzione per la crisi in Siria. Una soluzione politica, perché noi ci opponiamo categoricamente a un intervento militare straniero, pensiamo una trasizione pacifica sia fattibile”.

La strategia prevede anche un ruolo per Cina e Russia, che hanno bloccato in sede Onu una risoluzione per la fine delle violenze. Le Nazioni Unite e la Lega araba hanno intanto nominato l’ex Segretario Onu Kofi Annan inviato speciale per la crisi siriana.