ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da Tunisi una prima road map per il futuro della Siria

Lettura in corso:

Da Tunisi una prima road map per il futuro della Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

Stop alle violenze in Siria. L’ultimatum arriva dai ministri degli esteri di circa 60 tra paesi ed organizzazioni internazionali riuniti a Tunisi per l’attesa conferenza degli “amici della Siria”.

Aiuti umanitari, nuove sanzioni contro il regime di Bashar al-Assad, l’istituzione di una forza di pace araba: numerose le proposte al vaglio delle diplomazie che sono alla ricerca di una soluzione condivisa anche da Russia e Cina, grandi assenti al vertice tunisino.

Il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha condannato duramente Assad e le sue forze di sicurezza.
Rivolgendosi direttamente ai soldati dell’esercito regolar, la signora Clinton ha affermato che la repressione condotta sui civili, su sorelle e fratelli siriani, è una macchia sul loro onore e che il rifiuto di condurre questi attacchi li renderebbe eroi agli occhi del mondo.

In una conferenza stampa congiunta, il ministro degli esteri Saudita criticando l’inefficacia del summit si è espresso a favore dell’idea di armare gli oppositori al regime di Assad.

Manifestazioni si sono susseguite pro e contro il presidente siriano. A Tunisi si doveva tracciare una prima road map per il futuro della Siria, ma i risultati sono stati interlocutori.
Tra tre settimane il gruppo “amici della Siria” tornerà a riunirsi ad Istanbul.