ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: ancora sangue a Homs, uccisi due reporter stranieri

Lettura in corso:

Siria: ancora sangue a Homs, uccisi due reporter stranieri

Dimensioni di testo Aa Aa

In Siria, una giornata di lutto che valica i confini del Paese e tocca Regno Unito, Francia e tutto il mondo dell’informazione.

Mentre continua l’assedio delle forze speciali di Damasco a Homs, la repressione del regime miete vittime tra i giornalisti stranieri.

L’inviata del britannico Sunday Times e un fotografo del francese Paris Match sono morti mentre si trovavano in un centro stampa allestito in un appartamento della periferia Baba Amro.

“Una dimostrazione in più che ora basta, il regime se ne deve andare” è stata la reazione lapidaria del Presidente francese Nicolas Sarkozy alla notizia.

Cinquantacinquenne, Marie Colvin copriava da anni gli scenari di guerra. Era sul terreno, come il fotografo francese Remi Ochlik, 28 anni, sperimentato e stimato per il suo lavoro nelle zone a rischio. Vittima dei colpi di mortaio anche Rami al-Sayed, giornalista siriano. Intanto la Croce Rossa insiste per la creazione di un corridoio umanitario cui la Russia si oppone.