ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele: prigioniero palestinese mette fine 66 giorni di sciopero della fame

Lettura in corso:

Israele: prigioniero palestinese mette fine 66 giorni di sciopero della fame

Dimensioni di testo Aa Aa

Verrà rilasciato ad aprile. Con questa promessa il palestinese Khader Adnane ha messo fine a 66 giorni di sciopero della fame. La sua protesta, iniziata il 18 dicembre, il giorno dopo essere stato arrestato dalle autorità israeliane, ha mobilitato le associazioni internazionali per i diritti umani, i dirigenti e il popolo palestinese. Migliaia di connazionali sono scesi in piazza in Cisgiordania per chiederne la liberazione.

Adnane, panettiere e portavoce della Jihad islamica per la Cisgiordania settentrionale, era in detenzione amministrativa, ovvero trattenuto senza essere formalmente incriminato e senza processo.

Si tratta di un istituto adotatto dalla legge israeliana e derivato dal diritto del protettorato britannico. La detenzione amministrativa può durare fino a sei mesi ed essere rinnovata a tempo indefinito.

Secondo l’organizzazione israeliana per i diritti dell’uomo B’tselem, le detenzioni amministrative sono in aumento. Erano 309 i palestinesi in prigione a gennaio in base al provvedimento.