ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: ottimismo politico, pessimismo della piazza

Lettura in corso:

Grecia: ottimismo politico, pessimismo della piazza

Dimensioni di testo Aa Aa

Il secondo pacchetto di aiuti fa intravedere ai politici greci la luce in fondo al tunnel della crisi economica. Ma i cittadini condividono un pessimismo diffuso e restano senza speranze per un paese che, nonostante i finanziamenti, faticherà a far passare il debito dall’attuale 160 all’auspicato 120% del Pil entro il 2020.

-“Non vedo alcuna luce all’orizzonte. Sfortunatamente non importa quanti prestiti riceveremo. Se non cominceremo a produrre qualcosa in grado di farci stare in piedi da soli, non ci sarà mai ripresa per la Grecia. Questa è la realtà”.
-“A un certo punto gli europei e i politici greci dovranno dirci la verità. Dove vogliono arrivare? Perché la situazione non sta andando verso un vero cambiamento”.
-“Non importa quanti soldi riceveremo, se non riusciremo a far ripartire il commercio. Se non annullano il debito e senza giustizia sociale, non usciremo mai dalla crisi. Le politiche sono sbagliate. Completamente sbagliate”.

Per scongiurare il default Atene ha bisogno di almeno 135 miliardi di nuovi finanziamenti, cinque in più rispetto a quanto negoziato con i leader europei a ottobre.