ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, pallottole su corteo funebre: almeno un morto

Lettura in corso:

Siria, pallottole su corteo funebre: almeno un morto

Dimensioni di testo Aa Aa

Il tentativo di mediazione cinese in Siria non ferma la repressione, che sabato ha fatto almeno una nuova vittima e diversi feriti a Damasco, secondo fonti dell’opposizione al regime.

Le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco contro migliaia di persone che prendevano parte alle esequie di tre giovani manifestanti uccisi durante le proteste di venerdì. I cecchini, appostati sui tetti, hanno seminato il panico tra i partecipanti al corteo funebre, che hanno cercato riparo all’interno degli edifici. Una sessantina gli arrestati.

L’episodio è avvenuto qualche ora dopo l’incontro tra il presidente siriano Bashar al Assad e il vice ministro degli esteri cinese, Zhai Jun. Insieme a Mosca, Pechino è il più fedele alleato di Assad in seno al Consiglio di sicurezza dell’Onu, diviso sulla questione siriana proprio a causa dei veti russi e cinesi.

Oltre a chiedere la fine immediata delle violenze, Zhai Jun ha invitato il regime e le fazioni dissidenti a trattare per una via d’uscita politica dalla crisi. Ha quindi espresso sostegno al progetto di Assad di indire a breve un referendum, seguito da elezioni aperte a più forze politiche.